domenica 15 aprile 2012

Abbigliamento nel mondo arabo tra passato e presente: il kaftan marocchino e il takchita


Patrimonio, nel XVIII secolo, delle donne più facoltose del Marocco, il kaftan (o caftano) è oggi il simbolo della cultura femminile marocchina, l'elemento che rivela lo stato sociale di chi li indossa. Si dice provenga dalla Persia e all’origine era un abito indossato prevalentemente dagli uomini. I primi caftani erano abbastanza semplici, poi i disegni, i tessuti e le stampe diventarono sempre più complessi nel corso del tempo e negli anni dell’ Impero Ottomano raggiunsero  il loro apice per magnificenza. Il Palazzo Topkapi ad Istanbul, mostra una vasta collezione di caftani bellissimi indossati dai sultani del passato. Furono i conquistatori arabi  che diffusero l’uso di questo abbigliamento dall’Oriente all’Andalusia, fino al Maghreb. In Marocco è un abito tipicamente femminile. Abbottonato sul davanti è una veste ampia e lunga fino alla caviglia. Ci sono modelli a manica lunga e corta a seconda della stagione. Molto spesso le donne marocchine comprano la stoffa e poi  lo fanno confezionare su misura da un sarto, per far si che vada loro a pennello. Il taglio di questi abiti è quasi sempre lo stesso, ma le varianti sono infinite: può essere di una semplicità estrema (in questa versione viene utilizzato quotidianamente in casa) oppure quanto mai sontuoso, fatto di tessuti pregiati come broccato e seta, ricamato con fili d’oro e argento, ornato da gioielli ed utilizzato soprattutto nelle cerimonie e nelle feste di matrimonio abbinato a cinture speciali, chiamate 'mdamma'. Spesso sono cinture d'oro, molto pregiate, ma ci sono anche cinture più semplici e meno costose in modo che le donne possano vestirsi secondo le loro possibilità economiche. Il caftano che le donne indossano generalmente al loro matrimonio si chiama "al Fir3awn" (il faraone) e durante la cerimonia, la sposa cambia dai 5 ai 7 abiti. Spesso si confonde il kaftan con un altro tipico abito marocchino che si chiama takchita, ma vi è una sostanziale differenza. Il primo consiste in un abito unico, può avere un rivestimento, ma sarà comunque sempre unito al vestito. Il takchita invece è  composto da un "sotto-gonna" e dall’abito vero e proprio comunque sempre distinti e separati. Inoltre alcuni esemplari hanno anche un terzo pezzo che consiste in pantaloni stile odalisca con gambe larghe e stretti sui polpacci  e vengono chiamati takchita Jabador. Col tempo tutto cambia e anche il kaftan marocchino è cambiato, alcuni stilisti l'hanno modernizzato (fin troppo, secondo il parere dei più conservatori) e adesso ci sono  anche Kaftan scollati o di  jeans.... 


Condividi l' articolo su Facebook

10 commenti:

  1. Quante curiosità! Mi ha colpito scoprire come una sposa marocchina possa cambiarsi fino a 7 volte durante la cerimonia! Aiuto!
    Però il Kaftan in tessuto jeans proprio non mi gusta... :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Marica,
    c'è da dire che a volte la cerimonia dura più giorni, ma c'è anche da sperare che gli abiti non costino come qui da noi altrimenti per acquistarne tanti c'è da fare il mutuo...:)
    Non amerei nemmeno io il kaftan in jeans, penso che tessuti più eleganti siano molto più adatti....
    ciao
    Najim

    RispondiElimina
  3. grazie Claudio....
    ciao
    Najim

    RispondiElimina
  4. Tanti anni fa una mia amica etiope mi aveva regalato un futa....meraviglio da indossare in casa d'estate. Mi sapete dire dove posso acquistarne un'altro, io abito a Savona. Grazie!!!!

    RispondiElimina
  5. ciao Anonimo,
    mi dispiace ma solo ora leggo il tuo messaggio...
    io non abito nella tua zona quindi non so che negozi ci sono a Savona, comunque puoi certamente fare la tua ricerca qui in internet..troverai sicuramente qualche sito che propone in vendita ciò che cerchi...
    scusami ancora per non averti risposto subito...
    ciao
    Najim

    RispondiElimina
  6. E' molto bello il kaftano indossato dalla signora in fotografia. Vorrei farmene fare uno uguale, ma non voglio "copiare", sarei più contenta di avere il permesso di farlo. Si può rintracciare l'autore di quell'abito? Se è in una foto del genere, deve essere di qualche stilista conosciuto....chiedo informazioni da chi può darle. Grazie. Alison

    RispondiElimina
  7. Ciao Alison, è davvero un kaftano molto bello, ma non posso darti informazioni su quest'abito perchè è una foto che ho trovato in internet e non so proprio darti alcuna indicazione...
    mi dispiace..
    grazie per la visita..
    Najim

    RispondiElimina
  8. Ciao Najim,io dovrei creare un kaftano x una scuola di Moda che frequento,anche la tesina sul kaftano Marochino(storia del costumi marochino),gentilmente se hai qualche ricerca o se possiedi qualcosa di particolare di questo genere .
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ghita, purtroppo non ho nulla che potrebbe aiutarti ...tutto quello che mi ha permesso di fare il post l'ho trovato facendo varie ricerche in internet... ma è praticamente solo quello che ho pubblicato quindi non penso ti possa essere utile...mi dispiace
      in bocca al lupo per i tuoi studi
      ciao
      Najim

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...